Volkswagen Golf 8: tutti i dettagli della Golf di Nuova Generazione

La Volkswagen Golf può essere considerata senz’altro come uno dei modelli più storici in assoluto. Basti pensare che la sua prima edizione risale addirittura al 1974 e ancora oggi è presente in listino catturando l’attenzione di un gran numero di potenziali clienti. Scopri insieme a noi i dettagli principali dell’ottava generazione di una vettura tedesca che non ha mai smesso di avere voglia di stupire il pubblico.

A partire dal mese di settembre 2018, la Volkswagen Golf ottava serie dovrebbe entrare in listino per la gioia di milioni di appassionati. Da diversi anni, la berlina a cinque porte resta tra le più vendute a livello europeo e globale e vuole sempre restare sulla cresta dell’onda. Il modello non dovrebbe subire particolari stravolgimenti rispetto al recente passato, mantenendo le sue principali prerogative. La vettura sembra destinata a mantenere la stessa piattaforma MQB già presente nella Golf 7.

Dovrebbero esserci fari anteriori più sottili, integrati alla perfezione nella mascherina e capaci di conferire un’ulteriore iniezione di stile all’automobile tedesca. Il look potrebbe essere sobrio ed elegante, con linee pulite tipiche di un esemplare che continua a fare la storia. Per quanto riguarda le eventuali dimensioni, si parla di una lunghezza pari a circa 4 metri e 30 centimetri, più o meno identica a quella di altre proposte direttamente concorrenti quali la Renault Megane e la Peugeot 308. Si può quindi iniziare a dire che la Golf 8 costituisca un segno di continuità, una rivisitazione e non una rivoluzione.

Una gamma di motorizzazioni molto interessanti

La Volkswagen Golf ottava serie punterà molto sulla robustezza, immergendo il conducente e i passeggeri in un ambiente all’insegna della massima sicurezza. Quest’ultima sarà garantita anche da una serie di soluzioni tecnologicheall’avanguardia. Si parla dell’introduzione di un moderno cruscotto digitale e di un avanzato display multimediale, con la chance di creare un sistema di infotainment che possa garantire un’esperienza ancora più esaltante.

Altre novità in grado di suscitare profondo interesse dovrebbero riguardare i motori. Ci saranno senz’altro due propulsori a benzina 1.0 TSI e 1.5 TSI, rispettivamente da tre e quattro cilindri. A questi bisogna aggiungere una coppia di diesel 1.6 TDI e 2.0 TDI. Non si conosce ancora la quantità di cavalli di ciascuna motorizzazione, ma appare probabile l’adozione di un innovativo sistema mild hybrid da 48 Volt, che mira ad una netta diminuzione dei consumi e delle emissioni di anidride carbonica. Ci sarà anche una variante alimentata a metano e altre due dalle prestazioni molto elevate, al di sopra dei 300 cavalli. Oltre alla versione berlina, dovrebbe esserci soltanto la station wagon, mentre mancheranno le versioni elettrica, monovolume e cabriolet.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tutti i contenuti di questo sito sono solo a scopo informativo e non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in qualsiasi strumento finanziario.