Vespa Elettrica 2018: Caratteristiche, Prezzo e Data di Uscita

Rispattando la tradizione portata avanti in anni di storia e avendo cura di salvaguardare l’ambiente, Piaggio propone la Vespa elettrica, portatrice di un concetto di mobilità sempre più attuale e pulito. La ricerca ha scoperto come oggi molto del lavoro, della ricchezza, della popolazione e dell’inquinamento, sia tutto prodotto nelle grandi città, la cui tendenza è quella di crescere ancora concentrando fumi, gas inquinamento e traffico. La Vespa elettrica si inserisce in questo contesto con lo scopo di favorire gli spostamenti in maniera pratica, economica ed ecologica.

Il progetto venne presentato nel 2016 attraverso un modello embrionale, perfezionato e reso definitivo nel corso del 2017 che ora è realtà, al punto che da ottobre il veicolo è prenotabile per l’acquisto ma solo attraverso i canali online, dopo che durante il mese di settembre 2018 dovrebbe iniziare la produzione presso lo stabilimento di Pontedera, nei pressi di Pisa. Mentre sulle strade circolerà presumibilmente da novembre quando avverranno le prime consegne.

Le principali caratteristiche della Vespa Elettrica

Questo esemplare di avvale di un’anima elettrica grazie ad un motore capace di fornire 2 kW in continuo e il doppio invece come picco massimo di potenza, con una coppia di 200 Nm. Come è caratteristica principale di tutti i motori elettrici, anche la variante elettrica della Vespa beneficia di un’accelerazione particolarmente brillante e vivace, decisamente superiore a quella che si ottiene da un motorino da 50 cc. Queste prestazioni rendono il mezzo agile, scattante e in grado di districarsi al meglio nel traffico cittadino, ovviamente nel silenzio più assoluto, poichè l’elettrificazione della propulsione non produce rumore.

La percorrenza, vero cruccio e nota dolente per tutti i veicoli totalmente elettrificati, è preventivamente indicata in 100 Km totali ma con la variabile della città, all’interno della quale i continui “stop and go” a semafori, rotonde, stop e precedenze, ne riducono lievemente l’autonomia. Il sistema kers di recupero dell’energia in frenata è presente e consente una ricarica della batteria agli ioni di litio durante il tragitto, quando si è in decelerazione.

Un vantaggio pratico ed economico riguarda la manutenzione, che è pari a zero almeno fino a 1000 cicli di ricarica completa della batteria. I 100 Km dichiarati sono comunque più che sufficienti per andare al lavoro garantendo andata, ritorno e anche qualche extra, considerando anche la possibilità di ricaricare eventualmente presso le apposite postazioni. Estaticamente lo scooter si distingue per avere un piacevole profilo azzurro che ne definisce i contorni impreziosendo l’estetica, ma vi è anche una variante, identificata con una lettera “X”, in cui il colore di questo dettaglio è arancione. Ciò identifica una versione che presenta un generatore di corrente aggiuntivo la cui alimentazione (a benzina) incrementa l’autonomia di percorrenza fino a 200 km, preservando, in sostanza, la carica della batteria.

Una Vespa ricca di tecnologia e multimedialità

La Vespa elettrica è un concentrato di tecnologia sicuramente innovativa per un veicolo a due ruote. Molto si basa su quella che viene definita Vespa Multimedia Platform, ossia una piattaforma multimediale capace di permettere le connessioni e consentire funzioni hi-tech. Tramite essa è possibile connettere il telefonino al veicolo e un display a colori di tipo TFT con dimensioni di 4,3 pollici riesce ad essere ben visibile anche di giorno per merito di un sensore che ne regola la luminosità, adattandole alle condizioni di luce. Inoltre è presente anche la regolazione manuale secondo 4 livelli.

vespa elettrica

vespa elettrica

Ulteriori sviluppi tecnologici sono portati avanti a Boston presso il centro ricerca di casa Piaggio e prevedono interazioni tra conducente e veicolo ottenibili grazie all‘intelligenza artificiale di cui, in un futuro a breve-medio termine, la Vespa sarà dotata. In questa fase vi è però attualmente il massimo riserbo, anche perchè, seppure il reparto ricerca e sviluppo sia già al lavoro, non trapela nulla nè sugli obiettivi nè sui tempi. Per quanto concerne il modello attuale, sicuramente da settembre si saprà qualcosa in più, anche sul sistema di avviamento, il quale dovrebbe essere senza chiave, ma attraverso il riconoscimento del proprietario attraverso un segnale proveniente da un telecomando che può stare comodamente in borsa o nella tasca dei pantaloni.

Il prezzi

Il costo di questa variante green della famosa Vespa Piaggio si allinea alle attuali versioni top di gamma, più precisamente considerando il livello della Vespa 300 di cilindrata che è iscritta a listino con prezzi intorno a 6 mila euro. Più costosa invece la Vespa Elettrica X.

La strategia commerciale di Piaggio è orientata a proporre la commercializzazione in Italia e successivamente in Europa, per poi diffondere il mezzo anche in America e quindi nei Paesi Asiatici. Con le attuali politiche oltre oceano, attenta valutazione deve essere fatta per la determinazione del prezzo per il mercato americano, il quale potrebbe venire influenzato dalla presenza di dazi doganali posti dal governo statunitense.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tutti i contenuti di questo sito sono solo a scopo informativo e non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in qualsiasi strumento finanziario.