Prestito di 5000 Euro: Come Fare Se Hai Bisogno Immediatamente di Denaro?

L’esigenza di liquidità improvvisa ed urgente è un’evenienza tutt’altro che rara. Nel caso in cui, quindi, non si abbia l’opportunità di attingere a mezzi propri, l’alternativa più rapida è quella di pensare ad un prestito personale. Poiché un prestito personale è ascrivibile ad un finanziamento a breve termine e, come tale, necessita della conclusione di un negozio giuridico con un interlocutore abilitato al credito, è bene non sottovalutare l’aspetto burocratico (oltre a quello meritorio) dell’operazione. Oggi, noi, ci addentriamo nei meandri del mondo della concessioni creditizie affrontando i concetti di prestito personale e scoprendo quali sono le controparti giuste a cui rivolgersi per appagare in tempi rapidi il bisogno di liquidità.

Come ottenere un prestito di 5000 euro

Il prestito personale è contratto stipulato tra le parti. L’oggetto del negozio giuridico è la cessione di una certa somma di denaro da parte dell’ente finanziatore a favore del richiedente che si impegna restituire il capitale (maggiorato degli interessi) in rate costanti e secondo un piano di ammortamento pre fissato. Gli elementi essenziali del contratto sono:

  • il capitale finanziato;
  • la durata del prestito;
  • il tasso di interesse applicato
  • le modalità e le condizioni di rimborso del prestito.

Il saggio di interesse applicato, in modo particolare, incide significativamente sulle valutazioni di convenienza economica dell’operazione. Il tasso, infatti, rappresenta il profitto riconosciuto all’ente erogatore e può essere fisso (determinato specificatamente all’atto della sottoscrizione del contratto e costante per tutta la durata del prestito) oppure variabile (generalmente determinato sommando all’Euribor 3 mesi uno spread che varia in relazione al merito creditizio del richiedente).

Il saggio di interesse applicato (TAN) però non l’elemento conclusivo da considerare. Gli oneri accessori quali spese di istruttoria o commissioni di incasso rata contribuiscono a determinare il TAEG effettivo dell’operazione. Un prestito personale di euro 5000 (offerta Unicredit), al momento, con durata a 48 mesi e tasso fisso si assesta su un TAN al 4.84% e TAEG al 5.66%. La rata, costante e comprensiva di quota capitale e quota interessi, e’ di euro 116,83 con un montante complessivo da rimborsare di euro 5608.

Un’altra proposta (di Fiditalia Spa) invece, propone TAN pari al 6,80% e TAEG del 7.31% con rata di euro 119 sempre su una durata di 48 mesi. Poiché la stipula di un prestito personale richiede, in ogni caso, la firma di una richiesta di apertura di credito, la produzione della documentazione richiesta e la valutazione del merito creditizio e di opportunità da parte dell’ente finanziatore, è evidente che, per ottenere rapidamente quanto richiesto, è necessario valutare con attenzione a quale canale distributivo rivolgersi.

prestito di 5000 euro
Prestito di 5000 euro

Il canale bancario tradizionale

La richiesta di un prestito può essere fatta direttamente ad un istituto di credito. Rivolgersi alla propria banca (direttamente in filiale oppure in modalità telematica) può essere una buona idea per alleggerire le tempistiche necessarie all’erogazione. Il proprio istituto di credito, infatti, possiede la maggior parte delle conoscenze necessarie a formare la valutazione sul merito creditizio.

Non c’è troppa differenza, in questo caso, tra la modalità di richiesta in filiale oppure mediante procedura telematica; il consulente che valuterà la fattibilità dell’operazione sarà agevolato dalla conoscenza del rapporto e dalla cronistoria del conto corrente e, talvolta, anche dal possesso dei dati economici del cliente. Se si tratta di cifre contenute (non oltre i 5.000) è possibile che l’erogazione sia molto rapida senza tenere conto che, talvolta, la banca può proporre addirittura uno scoperto di cassa a fronte della canalizzazione dell’emolumento. La delibera creditizia, in questo caso, è pressoché istantanea.

Le società finanziarie

Tra gli enti autorizzati alla concessione del credito vi sono anche numerose società finanziarie in grado di offrire una vasta gamma di prodotto. Il contatto, in questa circostanza, è quasi esclusivamente telematico. Accedendo alla landing page del sito autorizzato è possibile prendere visione, immediatamente, delle possibili forme tecniche di finanziamento a disposizione della clientela. Il primo passo da compiere è quello di elaborare un preventivo accurato.

E’ bene prestare grande attenzione ad implementare correttamente i campi relativi all’importo richiesto, alla durata (per lo più espressa in mesi), alla destinazione d’uso (che può anche essere la richiesta di liquidità), alle proprie capacità reddituali e ai propri dati anagrafici e professionali. Una volta trovata la soluzione tecnica maggiormente rispondente alle proprie aspettative è possibile passare alla richiesta vera e propria. Per farlo è necessario completare tutte le maschere proposte dalla piattaforma ed allegare la documentazione richiesta (documenti anagrafici documenti reddituali certificato di residenza).

Con l’invio della richiesta inizia la fase di istruttoria della società finanziaria al termine della quale potrà deliberare la concessione oppure non autorizzare l’operazione. In caso di esito positivo, la firma del contratto avviene in forma digitale e l’erogazione viene disposta sul conto corrente del cliente (acceso presso qualsiasi banca) nell’arco delle successive 48 ore. Si tratta di una forma di concessione del credito in grande espansione e, in caso di possesso dei requisiti richiesti, molto veloce.

Il social lending

Con l’acronimo inglese “social lending” si intende una particolare forma di prestito personale che viene effettuata tra soggetti privati, senza l’intermediazione creditizia di enti autorizzati, e svolta esclusivamente tramite rete internet. Per accedere al servizio è necessario collegarsi ad una piattaforma autorizzata di social lending registrando un proprio account personale ed inserendo una richiesta di finanziamento specificando, sostanzialmente, gli stessi dati già individuate nei canali distributivi precedenti.

Un algoritmo matematico attribuisce ad ogni richiedente un rating di solvibilità e la richiesta viene effettivamente caricata in piattaforma per verificare se esiste un finanziatore disponibile. E’ bene precisare, infatti, che le piattaforme di social lending sono intermediari tra domanda ed offerta, ma non erogatori del credito. Quando la richiesta viene completamente finanziata (da uno o più soggetti) la piattaforma accredita la somma sul conto del richiedente che provvederà al rimborso secondo il piano di ammortamento stabilito.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tutti i contenuti di questo sito sono solo a scopo informativo e non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in qualsiasi strumento finanziario.