Photoshop arriva su iPad: Caratteristiche, Funzioni, Prezzo della nuova App

Dopo quasi un anno di attesa, è ora possibile sfruttare le potenzialità creative di Photoshop, Versione 1.0, il celebre photo-editor professionale di Adobe, anche su iPad. Una sinergia tra aziende che punta a valorizzare la vena artistica dei creatori, ovunque essi si trovino.

Photoshop su iPad è una novità rispetto ad altre app già disponibili sul mercato, come Photoshop Express, poiché consente incredibili modifiche in pochi tap, grazie alla possibilità di lavorare su file PDS completi e di giocare con i livelli, il pennello e la selezione rapida. Per questo si consiglia naturalmente di utilizzare la penna Apple Pencil, che garantisce il pieno accesso a tutte le sue funzionalità avanzate, come la correzione dei punti luce/ombra e il timbro clone, utilissimi per perfezionare le modifiche al volo.

Dal punto di vista del design interno, l’app presenta una barra degli strumenti sulla sinistra, che contiene strumenti come il pennello, l’inserimento di caratteri alfabetici, il timbro clone, il pennello correttivo e il lazo. I pannelli di livello sono sulla destra, insieme a numerosi strumenti per il fotoritocco come luminosità, contrasto, tonalità e saturazione e livelli. Ci sono anche pannelli per effettuare regolazioni dell’immagine con maschere di livello e sfumature.

Se vi aspettate la vasta gamma di funzioni presente sulla full desktop a cui siete abituati al computer, tuttavia, sappiate che vi sono alcune modifiche e riduzioni, anche se Adobe certifica che il programma sull’applicazione usa lo stesso codice della versione PC.

Non siamo mai scesi a compromessi su questa nozione del codice Photoshop reale su iPad, in modo da avere un flusso di lavoro assolutamente continuativo, a partire dal desktop“, ha dichiarato Scott Belsky, Chief Product Officer di Adobe, prima del lancio dell’app.

Phostoshop-iPad

Adobe si è infatti concentrata maggiormente su come i creatori utilizzeranno il programma in un contesto mobile, utilizzando le parole chiavi “composizione”, “uso di maschere” e “ritocco”. Inoltre, alcuni aggiornamenti futuri sono già stati resi noti sul sito ufficiale, come la rotazione dello sfondo, la selezione dei soggetti o maggiori opzioni per i pennelli.

Poiché si tratta di un’app mobile, la product manager di Photoshop Jenny Lyell ha affermato infatti che Adobe ha intenzione di aggiornare Photoshop per iPad a un ritmo molto più rapido rispetto a quello degli attuali servizi per desktop. Ciò dà al team più tempo per ottenere feedback dagli utenti e aggiungere gradualmente nuove funzionalità.

Interessante la nuova funzionalità con la quale è possibile aprire e modificare i file, indipendentemente dal dispositivo che si sta utilizzando, grazie al nuovo formato Cloud PSD, che verrà visualizzato come estensione PSDC durante il salvataggio (con l’ultima “C” indicante il Cloud). In pratica, significa che è possibile salvare automaticamente i file e utilizzare un’opzioni di archiviazione cloud, a propria scelta, da cui sarà possibile riaprirli e continuare il lavoro dove lo si era lasciato, in totale comodità e sicurezza. Adobe afferma inoltre che gli utenti di Photoshop su iPad possono lavorare sui loro file offline: le modifiche verranno archiviatesul dispositivo fino a quando non saranno di nuovo online.

Al momento, Photoshop per iPad è disponibile per chiunque abbia già un abbonamento Creative Cloud, vale a dire sia già iscritto al set di applicazioni e servizi di Adobe Systems. Se si ha già un abbonamento, è possibile semplicemente scaricare l’app per iOS e accedere con il proprio ID Adobe. In caso contrario, è necessario registrarti: il piano più economico costa 10,99€ al mese. I migliori modelli supportati sono gli iPad Pro di ultima generazione, gli iPad Pro da 12,9 pollici di seconda generazione, quelli da 10,5 pollici e da 9,7 pollici, infine gli iPad di quinta generazione e gli iPad Mini 4.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tutti i contenuti di questo sito sono solo a scopo informativo e non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in qualsiasi strumento finanziario.