Pensioni Precoci: Requisiti, Regole e Funzionamento

Le pensioni precoci danno la possibilità a specifiche categorie di lavoratori di potersi pensionare anticipatamente purché abbiano almeno 41 anni di contribuiti di cui 1 anno deve essere stato necessariamente versato prima del compimento dei 19 anni. Ma vediamo nello specifico quali sono i requisiti richiesti per le pensioni precoci, le regole, il funzionamento e come presentare la relativa domanda.

Le pensioni precoci: requisiti

Possono accedere alla pensione precoce tutti coloro che, indipendentemente dall’età anagrafica, hanno almeno 41 anni di contributi di cui 1 anno (12 se espresso in mesi e 54 se espresso in settimane) deve essere stato necessariamente versato prima del compimento dei 19 anni di età e purché si trovino in determinate situazioni:

  • lavoratori dipendenti attualmente disoccupati a causa di un licenziamento individuale o collettivo, per giusta causa o risoluzione consensuale del rapporto lavorativo, che da almeno tre mesi non usufruiscano più dell’indennità di disoccupazione o altro ammortizzatore sociale;
  • lavoratori dipendenti o autonomi che da almeno 6 mesi assistano il coniuge o un parente convivente di primo grado in linea retta affetto da grave handicap;
  • lavoratori dipendenti o autonomi con invalidità civile pari o superiore al 74%;
  • lavoratori dipendenti che svolgono attività lavorativa in settori considerati usuranti;
  • lavoratori che da almeno 6 anni, in modo continuativo, svolgono determinate attività (conducenti di camion o altri mezzi pesanti, infermieri o ostetriche che svolgono attività lavorativa a turni, pescatori, facchini, addetti alle pulizie).

Regole per la richiesta 

Per il raggiungimento dei 41 anni contributivi vengono computati i contributi versati all’Inpas sia come lavoratore dipendente che come lavoratore autonomo e presso la gestione separata. A partire dall’anno 2019/2020 il requisito dei 41 anni di contributi verrà innalzato di ulteriori 5 mesi al fine di adeguarlo alla speranza di vita. Le donne e gli uomini che presentano tutti i requisiti sopra elencati potranno anticipare il momento della tanto agognata pensione beneficiando di una riduzione di 10 mesi per le donne e di 1 anno e 10 mesi per gli uomini.

Presentazione della domanda 

La domanda per ottenere anticipatamente la pensione va inoltrata all’Inps attraverso il servizio telematizzato messo a disposizione dal sito web dell’ente previdenziale:
– direttamente se si dispone del codice Pin per accedere al sito Inps;
– per mezzo di patronati o centri di assistenza fiscale.

Ogni anno il termine ultimo di scadenza per la presentazione della relativa domanda all’Inps è l’1 marzo anche se in alcuni casi è concesso presentare domanda tardiva (entro il 30 novembre 2018). Tale istanza potrà essere accolta dall’Inps solo nel caso in cui sono presenti ulteriori somme residue oltre a quelle già messe a disposizione dal Governo e destinate a finanziare tali pensioni. L’inps comunica l’esito delle domande entro la fine del mese di giugno oppure entro la fine di dicembre, nel caso di domande presentate tardivamente.

Rate this post

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tutti i contenuti di questo sito sono solo a scopo informativo e non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in qualsiasi strumento finanziario.