Patrimonio Netto: Definizione, Cos’è e come si Calcola, Composizione e Normativa

Per patrimonio netto, noto anche come capitale proprio, si intende la differenza che intercorre tra le attività e le passività. In ambito aziendale, il patrimonio netto è la sommatoria delle risorse di cui l’impresa dispone come finanziamento interno. Come si calcola il patrimonio netto? L’operazione è semplicissima, dato che ti basta addizionare il capitale sociale con gli utili e sottrarre le perdite. Tocca alle riserve riportare al punto di equilibrio il bilancio.

Composizione del patrimonio netto, Sostanzialmente, alla base del patrimonio netto vi sono quattro elementi:

  • il capitale sociale, definibile come l’insieme delle risorse che i soci fondatori hanno depositato in fase di costituzione dell’impresa;
  • gli utili che si dividono a loro volta in dividendi, i quali vengono distribuiti agli azionisti, e in riserve, le quali non vengono distribuite, ma soltanto depositate per far fronte ad eventuali scenari inaspettati e imprevedibili;
  • perdite, da colmare necessariamente o con le risorse a disposizione o in alternativa con le riserve. Va detto che le perdite possono registrarsi sia nel corso dell’esercizio corrente che in quelli precedenti.

Qual è la differenza che si registra fra il patrimonio netto e il capitale sociale? I due concetti sono strettamente connessi, ma ben distinti. Il patrimonio netto ingloba il capitale sociale che, a sua volta, è la base essenziale per la costituzione di un’azienda e della sua forma a livello giuridico, a prescindere da quelle che sono le sue reali dimensioni. Va poi evidenziato che il capitale sociale, oltre ad essere conditio sine qua non per la strutturazione di un’azienda e per il prosieguo del suo business. Tuttavia, a fronte di una diminuzione del valore iniziale del suo effettivo valore, tocca ai soci dell’impresa occuparsi di riportarlo allo stato iniziale, contribuendo all’immissione di nuovo capitale o facendo affidamento sulle riserve.

Infine, la differenza finale che c’è tra il patrimonio netto ed il capitale sociale risiede nel fatto che il primo è connesso all’effettiva evoluzione dell’azienda, mentre il secondo è tipicamente fisso.

Normative

In termini normativi, per capitale sociale si intende la sottoscrizione delle azioni al momento della costituzione della società, a fronte di S.p.A. Lo stesso discorso è valevole anche per le s.r.l. con le quote. Sotto questo punto di vista, il capitale sociale è sinonimo di garanzia nei confronti dei creditori.

Ai sensi di quanto indicato dal Codice Civile all’interno degli articoli 2254,2255 e 2343 e 2343-bis, il conferimento del capitale sociale deve essere effettuato in denaro, a meno di diversa disposizione. Sulla base di quanto sancito dal Codice Civile negli articolo 2439 e 2481-bis, prima che la società sia stipulata, è necessario il deposito del 25% del capitale sociale presso una banca. Per ciò che concerne le s.r.l. tocca all’organo amministrativo occuparsi in prima persona del 25% del versamento del capitale sociale.

Qual è il capitale minimo per la costituzione di una S.p.A.? Oggi ammonta a 50.000 euro (in passato, erano necessari 120.000 euro). E per una s.r.l.? 10.000 euro. Capitolo a parte lo merita la s.r.l. semplificata: in questo caso, il capitale sociale, da sottoscrivere e versare un toto al momento della costituzione di una società, è compreso fra 1 euro e 9.999 euro.

Conclusioni

Il patrimonio netto, inteso insieme alle passività, si trova come voce sempre a destra dello stato patrimoniale, andando a contrapporsi alle attività, situate sul lato sinistro. Il calcolo del patrimonio netto è da intendersi come la somma tra capitale sociali e utili meno le perdite. Il tutto naturalmente al netto della decurtazione sia dei debiti che dei costi. Il tutto, per ovvi motivi, sia nel breve che nel medio periodo.

Indice dei Contenuti

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.