Guardia Forestale: Come Diventare Guardia Forestale, Concorsi e Metodi

Il C.F.S., Corpo Forestale dello Stato, era una forza di Polizia che agiva sotto le dipendenze del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Dopo centonovantaquattro anni di storia il Corpo Forestale dello Stato ha cessato di esistere a partire dal 31 dicembre 2016 e al suo posto è stato istituito il Comando unità Carabinieri per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare.

Il nuovo Comando dell’unità dei carabinieri, che è stato istituito con un decreto legislativo, si articola in quattro differenti comandi: tutela forestale, tutela ambiente, politiche agricole e alimentari e tutela biodiversità e parchi. Per chi vuole accedere al Comando per la tutela forestale e acquisire il titolo di guardia forestale è necessario superare un concorso di selezione per entrare nell’arma dei Carabinieri.  Il primo concorso che si è occupato della selezione di nuove guardie forestali è stato il numero 1.598 bandito a marzo 2017, utile a selezionare gli Allievi Marescialli. Nell’ambito di questo Concorso a 167, tra i fortunati vincitori, è stato offerta l’opportunità di scegliere di entrare a far parte di quello che una volta era il Corpo Forestale.

A costoro viene riservata una particolare formazione che riguarda la tutela ambientale e una specializzazione in materia di sicurezza forestale e agroalimentare. Per entrare a far parte del Comando per la tutela forestale è necessario, al momento della compilazione della domanda, specificare se si è interessati o meno a diventare membro dell’ex Corpo Forestale.

Come compilare e inviare la domanda

Se si ha intenzione di partecipare al concorso per entrare a far parte del Comando unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare dell’Arma dei Carabinieri è necessario compilare ed inviare la domanda in via telematica, quindi online. Per eseguire la procedura è opportuno collegarsi al sito dell’Arma dei Carabinieri ed accedere all’Area Concorsi, a questo punto basterà seguire l’iter indicato sia dal sistema automatizzato che dall’articolo numero 4 del Bando di Concorso.

Per poter presentare la domanda di partecipazione è possibile scegliere tra tre differenti modalità, tutte online:

  • tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) che deve essere intestata al soggetto che ha intenzione di partecipare al concorso. Quando viene aperto il modulo di domanda viene chiesto di specificare se l’indirizzo di posta elettronica è una PEC personale o una comune e-mail;
  • tramite carta conforme ai parametri imposti dalla legge, come la CIE (Carta d’Identità in formato elettronico) e la CNS (Carta Nazionale dei Servizi);
  • mediante firma digitale elettronica e qualificata.

Guardia forestale: i requisiti per partecipare al concorso

Ogni Bando di Concorso che si rispetti specifica quali sono le caratteristiche, di cui deve essere in possesso un soggetto, per poter essere considerato idoneo e prendere parte alla selezione.
Il candidato che ha intenzione di entrare a far parte dell’ex Corpo Forestale deve avere gli stessi requisiti richiesti per partecipare al Concorso per Allievi Marescialli dell’Arma dei Carabinieri, perciò è necessario:

  • essere cittadini italiani (di entrambi i sessi);
  • avere compiuto 17 anni entro la data di scadenza del Bando e non superare i 28 anni di età.

Per poter superare il Concorso il candidato deve superare:

  • una prova scritta di selezione in cui sono previste 100 domande, di cultura generale, a risposta multipla da rispondere entro 60 minuti;
  • una o più prove di efficienza fisica, volte a verificare che la sussistenza di determinati requisiti psico-fisici,
  • gli accertamenti sanitari;
  • la verifica dell’idoneità attitudinale, che serve ad accertare che siano rispettati alcuni requisiti che vengono valutati da uno psicologo e da un ufficiale perito selettore;
  • la valutazione dei titoli.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tutti i contenuti di questo sito sono solo a scopo informativo e non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in qualsiasi strumento finanziario.