Facebook Pay, in arrivo la soluzione per pagare tramite Facebook, Messenger, Instagram e Whatsapp

Partirà a breve Facebook Pay, il nuovo sistema di pagamento unificato che coinvolgerà non solo il celebre social network ma anche Messenger, Whatsapp e Instagram. Il sistema di pagamento sarà attivo prima negli Stati Uniti e solo successivamente sarà attivabile anche negli altri mercati. Ecco tutto quello che devi sapere per i tuoi pagamenti futuri.

La novità di Facebook Pay

Partirà, dunque, dagli Stati Uniti e, se sarà un successo come l’azienda di Marz Zuckerberg si augura, verrà esteso a tutto il resto del mondo il nuovo sistema di pagamento chiamato Facebook Pay che consentirà agli utenti di pagare direttamente per acquisti online, donazioni e molto altro ancora. Il sistema potrà essere usato non solo su Facebook ma anche sulle altre piattaforme del Gruppo come Messenger, Instagram oppure Whatsapp.

Il progetto è ancora avvolto da un alone di mistero ma qualche informazione è trapelata in una news sul blog ufficiale del Gruppo, a firma Deborah Liu che è la vicepresidente Marketplace & Commerce, quindi sicuramente non l’ultima arrivata. Nel comunicato non si fa riferimento a Libra, la moneta virtuale che Facebook sta studiando e che, senza ulteriori intoppi, dovrebbe vedere il suo debutto nel 2020. Il sistema di pagamento, quindi, si avvia ad essere nel tempo l’unico ufficialmente accettato sui siti del Gruppo che in questo modo cerca anche di trasmettere un’idea di unità in quanto, attraverso un unico sistema, saranno visibili tutte le transizioni fatte sui diversi social e siti.

Come funzionerà Facebook Pay

Preparati, dunque, perché a breve Facebook Pay potrebbe diventare l’unico metodo di pagamento se desideri acquistare direttamente sul social network. Secondo quanto rivelato dalla Liu, infatti, verrà utilizzato per perfezionare tutti gli acquisti effettuati sulle pagine delle singole aziende e nelle pagine dedicate ai mercatini nelle quali ognuno può esporre i propri prodotti. Inoltre potrà essere utilizzato nello stesso modo anche su Instagram, negli annunci pubblicitari di Messenger e in quelli di Whatsapp. Un’altra funzionalità specifica di Facebook Pay sarà quella relativo all’utilizzo per le donazioni. Gli utenti di tutti i social network del Gruppo potranno effettuare le proprie donazioni direttamente sulle pagine delle cause benefiche, senza dover uscire dal sistema.

Facebook Pay
Facebook Pay

A livello organizzativo, Facebook Pay si presenta come una semplificazione perché sarà possibile verificare tutti i pagamenti effettuati, le transazioni e ogni altro particolare in un unico gestionale che consentirà di tenere sotto controllo ogni operazione indipendentemente dal social sul quale viene effettuata. In futuro, poi, è prevista un’integrazione con altri sistemi di pagamento come Paypal oppure le carte di credito e di debito dei diversi istituti bancari. Infine, per garantire la sicurezza di ogni operazione sarà possibile integrare il classico sistema di sicurezza che sfrutta il pin con quelli che prevedono il riconoscimento facciale oppure touch.

Perché l’azienda punta su Facebook Pay

I detrattori di Facebook & company accusano Facebook Pay di essere un ulteriore modo per controllare e mappare il target di clienti. In effetti la Liu non ha smentito questa possibilità parlando di possibile profilazione degli annunci pubblicitari. L’obiettivo ufficiale del progetto Facebook Pay, però, è quello di agevolare l’esperienza di acquisto degli utenti dei social consentendo pagamenti diretti che rendano le operazioni più semplici.

Inoltre, consentendo l’utilizzo di un unico sistema per i pagamenti di ben quattro diversi social, Facebook Inc. intende sottolineare il messaggio agli occhi degli utenti di compattezza in un unico Gruppo imprenditoriale che è mosso dalla stesa filosofia. Il debutto negli Stati Uniti di Facebook Pay è previsto a breve, non resta che aspettare di vedere come gli utenti accoglieranno questa ennesima, piccola, rivoluzione del social network preferito.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tutti i contenuti di questo sito sono solo a scopo informativo e non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in qualsiasi strumento finanziario.