Cos’è la PEC, Come Funziona la Posta Elettronica Certificata

La PEC (acronimo di Posta Elettronica Certificata) è un sistema che permette a utenza privata e pubblica di poter inviare e-mail che abbiano valore legale. In altri termini, inviare un’email con il sistema PEC permette alla posta elettronica di avere la stessa valenza legale di una raccomandata con ricevuta di ritorno, ma con tutti i vantaggi in termini di rapidità e di economicità.

Rispetto alla posta elettronica ordinaria, il sistema PEC può dunque garantire una serie di caratteristiche aggiuntive rispetto alla posta elettronica ordinaria, come ad esempio la certezza e il valore legale dell’invio e della consegna (o della mancata consegna) delle email al destinatario.

Quali sono le caratteristiche della PEC?

Due sono le principali caratteristiche della posta elettronica certificata rispetto alla posta ordinaria:

1) l’email inviata con la PEC ha lo stesso valore legale della raccomandata con ricevuta di ritorno, attestando – tra l’altro – l’esatto orario della spedizione;

2) il sistema PEC funziona attraverso un protocollo di sicurezza tale da garantire la certezza del contenuto, non rendendo possibile alle parti la possibilità di modificare il messaggio o gli allegati.

Proprio per tali caratteristiche, la PEC garantisce – nelle ipotesi di contenzioso – l’opponibilità ai terzi del contenuto del messaggio.

Come funziona la PEC?

Lato utente l’uso della PEC è semplice e del tutto similare a quello della posta ordinaria. A cambiare è il meccanismo di valenza legale dello stesso processo: lo stesso termine di “certificata” si riferisce al fatto che il gestore (provider) del servizio rilascia al mittente una ricevuta con dei codici in grado di rappresentare una prova legale del fatto che il messaggio sia stato regolarmente spedito (eventualmente, con gli allegati).

Con lo stesso meccanismo – e generalmente a pochi secondi / minuti di distanza – il gestore della casella PEC del destinatario invierà la ricevuta di avvenuta consegna del messaggio. In questo modo i gestori del servizio forniranno le prove delle avvenute spedizioni / consegne alla parte interessata. O, nel caso di impossibilità, forniranno la prova della NON avvenuta consegna.

In tutti gli avvisi, che attesteranno l’inalterabilità del contenuto, viene inserito un riferimento temporale che certifica la data e l’ora di ogni operazione (spedizione / consegna). Nel caso in cui per errore il mittente cancelli o smarrisca i messaggi del provider, può comunque richiederne al proprio gestore una copia – anch’essa con pieno valore legale – entro 30 giorni dall’avvenuta operazione.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.