Come valutare correttamente i gioielli usati in Oro e Argento: la guida completa

Valutare oro e argento in modo corretto, quando si desidera vendere gioielli usati, non è una procedura troppo complessa, ma solo se ci si rivolge agli esperti di valutazione gioielli: vediamo, quindi, come procedere per la valutazione dell’oro e dell’argento usati e quali elementi considerare per ottenere una valutazione di massima.

La regola principale, che viene prima delle caratteristiche intrinseche del gioiello che si desidera vendere (argento o oro che sia), è la scelta del giusto Compro Oro. Roma, ma anche altre grandi città, ne è ricchissima. Si può scegliere di rivolgersi al compro oro a Roma più vicino a casa, o si può scegliere quello che offre la migliore valutazione per la vendita di gioielli usati, come Orolive. Come avviene? Valutando con esperienza e correttezza ogni singola caratteristica del gioiello che si desidera vendere.
Vediamo quali sono.

Peso e caratura

Quando si ha intenzione di vendere a un compro oro oggetti o gioielli usati in oro o argento, due sono gli elementi da prendere in considerazione per capire se la valutazione che ci viene proposta è valida o al ribasso. Le stesse considerazioni valgono, naturalmente, anche al momento dell’acquisto di gioielli usati.

Il primo dei due elementi chiave è la caratura (o purezza), ovvero la quantità di materiale puro presente in quell’oggetto, il quale deve essere necessariamente riportato al peso del medesimo, che è il secondo elemento da misurare. Solo così, si può avere un’idea ben precisa del valore di quell’articolo.

La purezza indica, infatti, la quantità di materiale puro -ovvero oro e argento-, espressa in percentuale, presente in quel tipo di oggetto. Facendo un esempio, un anello in oro da nove carati e dal peso di cento grammi, indica che solo una piccola parte è realizzata interamente in oro puro: il resto sarà dato da materiali di secondario valore (detti “leghe”), spesso utilizzati nella realizzazione del gioiello per facilitarne la lavorazione e per incrementarne la durata nel tempo.

Quindi, la purezza dell’oggetto deve essere nota per fare un rapporto col peso e valutare se il prezzo che ci viene proposto dal compro oro in fase di valutazione dell’oro usato, è corretto o eccessivamente inferiore.

Stato di usura e restaurazioni dell’oggetto

Altri due criteri fondamentali che si devono considerare, sono lo stato d’usura dell’oggetto in oro o argento e, ovviamente, le riparazioni che eventualmente gli sono state apportate per fare in modo che questo tornasse a essere perfetto sotto il profilo estetico.

Quando parliamo di stato d’usura, si fa riferimento a graffi, ammaccature, scoloriture o segni del tempo che possono avere un’incidenza estetica abbastanza negativa: per esempio, una collana in argento divenuta nera o che si presenta coi degli spacchi, è un articolo che ha un valore praticamente nullo e che non conviene portare a un compro argento Roma.

Gioielli Usati

Gioielli Usati

Al contempo, si deve anche valutare la qualità della riparazione e se questa è stata svolta in maniera tale da poter rendere quell’articolo nuovamente piacevole e utile da sfruttare: la restaurazione deve essere svolta in maniera impeccabile e per questo motivo si devono tenere gli occhi bene aperti su questo criterio. Inoltre, si deve sapere che materiali sono stati adoperati per ripristinare l’oggetto in oro o argento usato che si intende vendere o acquistare.

Solo in questo modo si potrà avere un ulteriore indizio sul valore effettivo dell’oggetto in questione e si potrà capire se la valutazione dei gioielli usati che stiamo richiedendo è corretta.

Certificato di garanzia, marchio e quotazione

Infine, si deve sapere che un vero oggetto di valore, sopratutto se il valore è elevato, sia in oro che in argento, deve essere accompagnato dal certificato di garanzia di autenticità, ovvero la carta d’identità del gioiello, dove sono riportati tutti i vari dati tecnici che consentono di avere sicurezza del fatto che quell’articolo sia autentico.

Va analizzato anche il corpo dello stesso gioiello, in quanto, almeno la caratura, dovrebbe essere riportata sul suo corpo, nel cosiddetto punzone.

Non va sottovalutato, poi, il valore del marchio, ovvero del brand che ha realizzato quell’articolo, la cui importanza fa aumentare il valore dello stesso articolo che si intende vendere. Si badi, inoltre, che non tutti i compro oro a Roma o nelle grandi città, eseguono correttamente la valutazione di gioielli firmati: sono davvero pochi quelli che riconoscono e pagano il valore della firma, mentre la maggior parte dei compro oro che acquistano gioielli firmati, li mandano poi a fondere, non valutandone il pieno valore.

Infine, nella valutazione per la vendita gioielli usati, va prestata particolare attenzione alla quotazione in tempo reale del valore dell’oro, il parametro principale che consente di conoscere l’eventuale prezzo dell’articolo sia in vendita che in acquisto.

Tutti questi elementi fanno in modo che si possa fare una corretta analisi dei gioielli e degli oggetti in oro e argento e che si possa avere la sicurezza che quell’articolo sia valutato in modo oggettivo, sfruttando dei dettagli tecnici che hanno lo scopo finale di prevenire eventuali frodi ai danni propri.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.