Coronavirus, Come Sospendere la Rata del Mutuo sulla Casa

Tra i vari provvedimenti assunti dal governo per permettere a famiglie e imprese di superare la fase più difficile degli effetti economici derivanti dalla pandemia da coronavirus, c’è anche la possibilità di chiedere la sospensione del mutuo, mediante accesso al Fondo di solidarietà per i mutui per l’acquisto della prima casa già introdotto con la l. n. 244/2007.

Cerchiamo dunque di comprendere quali sono le modalità con cui poter richiedere la sospensione del mutuo casa e quali sono i requisiti utili per poterla ottenere.

Modulo sospensione mutuo casa

Il modulo della sospensione del mutuo casa è a disposizione sul sito internet del Ministero dell’Economia (qui).

Si tratta di un modulo molto semplice, che si basa principalmente su una dichiarazione sostitutiva e che, dunque, non richiede alcuna certificazione. Peraltro, la maggior parte delle banche si sono organizzate per permettere lo scambio di tale modulistica direttamente a distanza. Dunque, nella grande maggioranza dei casi non sarà nemmeno necessario recarsi presso il proprio istituto di credito per ottenere la sospensione delle rate.

Il modulo è così organizzato:

  • una prima parte dedicata all’identificazione del richieste e degli intestatari del mutuo;
  • una seconda parte con la dichiarazione di possesso dei requisiti (ne parleremo nel prossimo paragrafo);
  • una terza parte legata alla formulazione della richiesta e alla sottoscrizione.

Requisiti per accedere alla sospensione del mutuo

Chiarito quanto sopra, e ribadita la semplicità di compilazione della domanda di sospensione del mutuo, non ci rimane che cercare di comprendere quali siano i principali requisiti da rispettare.

Ebbene, i casi che consentono l’accesso alla sospensione del mutuo sono 6:

  1. Cessazione del rapporto di lavoro dipendente e stato di disoccupazione. Bisognerà allegare al modulo la copia della lettera di licenziamento e, in  caso  di  contratto  a  tempo  determinato, anche la copia del contratto, oltre a eventuali comunicazioni di interruzione del rapporto.
  2. Sospensione dal lavoro per almeno 30 giorni lavorativi consecutivi, con attualità dello stato di sospensione. Si dovrà allegare copia del provvedimento amministrativo di autorizzazione dei trattamenti di sostegno del reddito, copia della richiesta del datore di lavoro di ammissione al trattamento di sostegno al reddito, copia della dichiarazione del datore di lavoro che attesti la sospensione dal lavoro per cause non riconducibili a responsabilità del lavoratore, e con l’indicazione del numero di giorni lavorativi consecutivi di sospensione.
  3. Riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni lavorativi consecutivi, pari ad una riduzione almeno pari al 20% dell’orario complessivo con attualità della riduzione di orario. A tal fine bisognerà allegare copia del provvedimento amministrativo di autorizzazione dei trattamenti di sostegno del reddito, copia della richiesta del datore di lavoro di ammissione al trattamento di sostegno al reddito, copia della dichiarazione del datore di lavoro, resa ai sensi del D.P.R. n. 445 del 2000, che attesti la riduzione dell’orario  di  lavoro  per  cause  non  riconducibili  a  responsabilità  del  lavoratore,  con  l’indicazione  sia  del numero di giorni lavorativi consecutivi di sospensione sia della percentuale di riduzione dell’orario di lavoro
  4. per il lavoratore  autonomo  e per il libero  professionista, la riduzione  media  giornaliera  del  proprio  fatturato rispetto al periodo di riferimento, registrato in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020 ovvero nel minor lasso di tempo intercorrente tra la data della domanda e la predetta data, superiore al 33% del fatturato  medio  giornaliero  dell’ultimo  trimestre  2019,  in  conseguenza  della  chiusura  o  della restrizione   della   propria   attività  operata   in  attuazione  delle  disposizioni  adottate  dall’autorità competente per l’emergenza coronavirus;
  5. Morte del mutuatario o cointestatario del mutuo;
  6. Riconoscimento di handicap grave, con invalidità civile non inferiore all’80 per cento per il caso di insorgenza di condizioni di non autosufficienza. Si allega in questo caso il certificato rilasciato  dall’apposita commissione istituita presso l’ASL competente per territorio che qualifica il soggetto quale portatore di handicap grave o invalido civile (da 80% a 100%).

Come presentare il modulo

Il modulo deve essere presentato al proprio istituto di credito con le modalità previste da quest’ultimo. Considerato che ogni banca ha previsto le sue regole specifiche, consigliamo gli interessati a contattare la propria filiale.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tutti i contenuti di questo sito sono solo a scopo informativo e non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in qualsiasi strumento finanziario.