Come Fare un Bonifico Bancario: la Guida Completa

Il bonifico bancario, altro non è che un’operazione con cui si può, in maniera sicura e veloce, trasferire denaro ad un altro soggetto. Consiste in una transazione di denaro che virtualmente consente appunto di spostare una somma di denaro da un conto corrente ad un altro; chi fa il bonifico è il richiedente, chi lo riceve è il beneficiario. Con questa guida vogliamo chiarirti ogni tipo di dubbio e fornirti tutte le informazioni necessarie per poter eseguire un bonifico correttamente.

La modalità tradizionale per eseguire un bonifico bancario è quella di recarsi presso il proprio sportello bancario, solitamente lo stesso dove si è aperto il conto corrente, anche se molte banche permettono di poter eseguire questa operazione presso qualsiasi sportello grazie alla condivisione delle informazioni tra filiali della stessa banca. L’importante è identificarsi e fornire all’addetto di sportello (comunemente detto anche cassiere) gli estremi del proprio conto.

Con la diffusione di internet e delle applicazioni per smartphone, oggi un bonifico è facilmente eseguibile in autonomia anche dal proprio cellulare o computer, sfruttando i sistemi messi a disposizione dalla propria banca. Questa modalità solitamente è quella più economica per il cliente, in quanto viene applicata una commissione molto inferiore rispetto a quella che pagheresti recandoti in banca. Altri istituti aggiungono anche la possibilità di eseguire un bonifico fornendosi degli atm evoluti; lo stesso da cui puoi comodamente prelevare denaro sono in grado anche di farti eseguire un bonifico in poche semplici mosse seguendo la procedura guidata.

Tempi di accredito di un bonifico bancario

Per chiarire in quanto tempo un bonifico arriverà a destinazione bisogna fare una prima grande distinzione geografica che dividono i bonifici tra area Sepa ed esteri. L’area Sepa comprende 34 paesi (alcuni appartengono all’Unione Europea, altri sono paesi confinanti che però adottano l’Euro come moneta). I bonifici Sepa quindi sono tutti quelli diretti verso un paese appartenente a questa specifica area e che hanno valuta in Euro. I bonifici esteri, per esclusione, sono tutti quelli in valuta diversa dall’Euro, (sterline, dollari, ecc…), oppure in Euro ma diretti verso un paese non compreso nell’area Sepa.

I bonifici Sepa, avendo una normativa specifica, verranno accreditati entro massimo il secondo giorno lavorativo dall’esecuzione. Per i bonifici esteri, la situazione cambia leggermente, in quanto dipende anche dalla banca ricevente, solitamente entro una settimana, salvo errori formali, vengono accreditati. Per paesi o valute specifiche chiedi consiglio all’addetto di sportello in banca. Se hai particolare fretta o termini stringenti per eseguire un pagamento, potrai richiedere la modalità urgente, pagando un sovrapprezzo sulle commissioni, riducendo sensibilmente i tempi di accredito sul conto del beneficiario; parliamo di accrediti anche entro un’ora dall’esecuzione se eseguiti entro un certo orario (solitamente 15.30), altrimenti nella mattina del giorno lavorativo successivo.

Dati necessari per eseguire un bonifico bancario

Cosa ti servirà quindi per compilare un bonifico bancario non cambia se sceglierai di recarti in banca o eseguirlo online. Fondamentale sarà avere l’Iban del beneficiario e l’intestazione del suo conto, dato che la banca ricevente controllerà la corrispondenza di questi due dati; in caso di errore il bonifico può essere respinto e riaccreditato sul tuo conto corrente. Per i bonifici esteri, oltre l’Iban, sarà necessario il codice Bic o Swift, che è un codice alfanumerico identificativo e univoco della banca estera del beneficiario. Un altro dato che va indicato è ovviamente l’importo del bonifico.

Molto importante è la causale, che consigliamo di indicare sempre correttamente con le informazioni del pagamento che stai effettuando, in quanto può esserti molto utile se dovesse succederti di dover fornire prova del tuo pagamento. Ulteriore attenzione andrà posta se stai eseguendo un bonifico per ristrutturazione edilizia, nel caso avessi intenzione di usufruire dell’apposita detrazione fiscale del 50%, in quanto in questo caso, andrà indicato nella causale del bonifico lo specifico riferimento di legge oltre che la chiara indicazione dei dati della fattura con partita Iva di chi ha eseguito il lavoro ed il codice fiscale, che deve corrispondere con quello indicato in fattura, del contribuente.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.