Come Fare la Domanda di Disoccupazione NASpI: la Guida Completa

Per presentare l’istanza di disoccupazione NASPI, introdotta con il Jobs Act, è necessario seguire una specifica procedura ad hoc gestita dall’INPS. Tutti i lavoratori che hanno perso il posto di lavoro possono presentare la domanda online grazie al software ed al servizio approntato online dall’Istituto di Previdenza. In alternativa, è possibile rivolgersi anche ai Patronati per presentare l’istanza NASPI 2018.

Questa guida raccoglie tutte le informazioni su come fare la domanda di disoccupazione NASPI, quali sono i requisiti necessari per presentarla, la durata e come viene computato l’importo spettante.

NASPI 2018: requisiti necessari per presentare l’istanza

La NASPI 2018 ovvero la Nuova Prestazione di Assicurazione Sociale è stata introdotta dal Jobs Act e ha sostituito i precedenti sussidi di disoccupazione. Sono cambiati anche i documenti necessari da presentare in sede di istanza e la procedura da seguire. Per poter procedere con la compilazione della domanda, si deve verificare di essere in possesso dei requisiti necessari previsti dalla normativa vigente. Infatti, la NASPI 2018 può essere richiesta da tutti coloro che hanno perso involontariamente il lavoro ad eccezione delle seguenti categorie:

  • operai agricoli a tempo determinato o indeterminato
  • dipendenti a tempo indeterminato delle Pubbliche Amministrazioni;

La NASPI può essere richiesta anche dai disoccupati dipendenti della Pubblica Amministrazione con un contratto a tempo determinato; Apprendisti; Soci lavoratori di cooperative con un rapporto di lavoro subordinato; Personale artistico con contratto subordinato a tempo determinato e le Lavoratrici che hanno presentato le dimissioni nel periodo della maternità.

 Come presentare la domanda NASPI 2018?

Una volta verificati i requisiti necessari per richiedere la NASPI, si può procedere con la presentazione della domanda di disoccupazione entro 68 giorni dalla perdita del posto di lavoro. L’inoltro deve avvenire esclusivamente in modalità telematica, mediante accesso al sito dell’Inps. Il soggetto interessato può procedere con l’invio della domanda in modo autonomo (se in possesso di Pin dispositivo) o rivolgersi ad un Patronato.

La procedura da esperire è veramente semplice, veloce ed automatizzata:

  • loggarsi nell’area dei Servizi online del sito ufficiale dell’Inps;
  • selezionare Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito > NASPI;
  • cliccare su Indennità di Naspi;
  • procedere con l’Invio della domanda.

Una volta completati questi semplici passaggi si deve procedere con il controllo dei dati anagrafici riportati, i dettagli visualizzabili e le motivazioni dell’avvenuto licenziamento. Per quanto concerne la durata della NASPI, essa dipende dalla contribuzione del lavoratore, ma in tutti i casi non può eccedere comunque i 24 mesi. Per l’importo erogato, esso è pari al 75% della retribuzione mensile qualora la stessa sia inferiore o pari a 1.195 euro.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tutti i contenuti di questo sito sono solo a scopo informativo e non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in qualsiasi strumento finanziario.