Apple TV+ in Italia: Film e Serie TV, Prezzi e Costi, e dove si può vedere

È arrivato anche in Italia Apple TV plus. La nuova piattaforma, che sfida apertamente il competitor principale Netflix, proporrà tantissimi filmserie Tv in streaming, contenuti originali e on demand. Il servizio è prossimo ad essere lanciato, precisamente nel mese di novembre e prevederà ovviamente un abbonamento mensile. Cerchiamo quindi di capirne insieme prezzi e costi e dove sarà possibile vederla.

Apple TV+: cos’è e dove si può vedere?

Prima di parlare dei prezzi del servizio lanciato da Apple, è opportuno ti sia chiaro esattamente cos’è Apple TV plus. Stiamo parlando di un servizio, presentato lo scorso 25 marzo in occasione dell’Evento Apple a cui hanno partecipato numerose star tra cui Steven Spielberg, che sfruttando il dispositivo esistente includerà la possibilità di fruire di numerosissimi contenuti multimediali, tra cui film e serie Tv, mediante un abbonamento mensile.

Sostanzialmente Apple intende allinearsi a quanto proposto ad esempio da Amazon con PrimeVideo, offrendo di conseguenza sia contenuti originali che contenuti on demand. Non si tratterà di una rivisitazione della attuale Apple Tv, bensì di una piattaforma totalmente nuova destinata, quantomeno principalmente, a quelli che sono i possessori di device Apple, quindi iPhone, iPad, Macbook, etc…

Nonostante sia originariamente pensata per i possessori di apparecchi Apple previa installazione dell’app dedicata, la visione dei contenuti sarà possibileanche tramite i più noti browserweb, quindi Google Chrome, Firefox oppure Safari nonché su alcuni modelli di Tv Samsung Smart, Sony, Lg ed altre che verranno integrate nel corso dei prossimi mesi. All’appello però, quantomeno per il momento, manca la possibilità di fruire di Apple Tv+ sui device Android, tramite applicazione, se non con la già citata modalità browser. Ovviamente volendo ti è possibile acquistare il decoder Apple specifico.

Apple TV plus: costi del servizio e prezzi

Come anticipato, Apple TV+ farà il suo debutto in Italia, ma anche in altri paesi, l’1 novembre 2019. Sarà prevista una prova gratuita del servizio, così che tu possa testarne le funzionalità per una settimana. Successivamente ti sarà possibile sottoscrivere un abbonamento mensile del costo di € 4,99.

Ma come al solito Apple pensa a tutto e anche di più. Nel caso dovessi acquistare un nuovo device della “mela”, avrai diritto ad usufruire per un anno della piattaforma in via totalmente gratuita. Sono inclusi nella promozione iPhone 11 ed altri modelli del melafonino, Apple Wacht, iPad ed altri ancora.

Apple TV+
Apple TV+

Inutile dire come Apple, data l’entità degli investimenti sui servizi in streaming che ammontano ad 1 miliardo di dollari, stia puntando moltissimo alla creazione di un servizio unico per tutti i dispositivi, che permetta all’intrattenimento per famiglie di diventare uno dei punti forti dell’azienda. Ma quali sono i contenuti che saranno disponibili?

Come anticipato, sulla piattaforma Apple TV plus potrai vedere moltissimi contenuti originali. Il catalogo ovviamente si aggiornerà strada facendo nel corso dei mesi seguenti al lancio del servizio, che prevede però già un nutrito portafogli di titoli disponibili. Tra questi potrai trovare:

  • See: serie Tv ambientata in un tipico futuro distopico dove gli esseri umani avranno perso l’utilizzo della vista.
  • The Morning Show: serie Tv comedy con protagonisti di rilievo, tra cui Jennifer Aniston.
  • Dickinson: il racconto della vita della scrittrice americana.

Steven Spielberg, che come detto ha presenziato alla presentazione di Apple TV+, farà anche lui parte del panorama della programmazione della mela, con una particolare rivisitazione di Amazing Stories, che però arriverà in un secondo momento. Mai come in questa situazione, è proprio il caso di dire che ne vedremo delle belle!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tutti i contenuti di questo sito sono solo a scopo informativo e non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in qualsiasi strumento finanziario.