Affitto con Riscatto: Cos’è e Come Funziona

Quando si decide di acquistare un’abitazione, molto spesso, si è indecisi se sia la casa o la soluzione giusta da prendere. Oltre ad un normale contratto di affitto o un contratto di acquisto, esiste da diversi anni una tipologia di contratto detta affitto con riscatto. Questa formula, ultimamente è stata regolamentata con specifiche regola da seguire.

L’affitto con riscatto è un contratto vero e proprio, che da la possibilità al locatario di diventare proprietario dopo un determinato tempo. Esso consiste nel pagare un affitto mensile per un periodo di tempo stabilito, dopo tale accordo l’affittuario può decidere di comprare l’abitazione a tutti gli effetti, quindi riscattarla. Bisogna tenere in conto, al momento dell’acquisto, di tutti i canoni d’affitto sborsati fino a quel momento.

Diverse tipologie di contratto

Esistono diverse tipologie di contratto inerenti l’affitto con riscatto.
Quella che maggiormente viene usata e applicata, riguardo una vendita di un’immobile, è rent to buy. Questa formula consiste nello stabilire un determinato tempo, in questo caso di 5 anni, tra il venditore e l’affittuario, trascorso questo periodo, l’affittuario diventa proprietario dell’immobile. La vendita avviene tramite una rateizzazione che dura diverso tempo, stabilita da entrambe le parti. In questo caso il venditore resta proprietario della casa affinché non avviene il pagamento definitivo.

Questo tipo di contratto è quello che maggiormente viene usato per chi non può permettersi di pagare una rata molto alta. Trascorso il periodo stabilito, l’acquirente può decidere se acquistare o meno la casa. Di solito in questa tipologia di contratto, l’affittuario pagherà una rata d’affitto più alta, perché viene considerata come anticipo. Tutto questo deve essere ben specificato durante la firma del contratto. 

Altra tipologia di contratto è buy to rent, al contrario di quello sopra citato, si procede subito alla vendita dell’immobile. Il prezzo viene stabilito da entrambe le parti e rateizzato nel tempo. Con questa formula di contratto, il venditore ha un’importante vantaggio, in caso l’affittuario non rispetta tutti i pagamenti dovuti, egli può ritornare ad essere il proprietario della casa. Il buy to rent consiste nel firmare due contratti separati, uno riguardante l’affitto e l’altro riguardante un contratto preliminare di futura vendita. 
Il contratto di futura vendita ha una durata fino a 10 anni e viene iscritto nei registri immobiliari. In questo contratto c è la possibilità di scegliere se entrambe le parti sono obbligate alla compravendita dell’immobile oppure se sarà l’affittuario a decidere se comprare o meno la casa. 

La nuda proprietà è un’altra tipologia di contratto che prevede a chi compra un’immobile di diventare proprietario, fino a che l’usufruttuario resti in vita. Infatti il venditore ha diritto di poter vivere nella propria casa con tutta serenità, ricevendo dal compratore, subito una certa somma di denaro. Anche chi compra la casa ha dei vantaggi, infatti potrà acquistare l’immobile ad un prezzo molto più basso del solito, questo e dovuto in base all’età del venditore. Viene calcolata una formula dal Ministero delle Finanze, che tramite delle statistiche, definisce l’aspettiva di vita delle persone. 

La tipologia contrattuale di affitto con riscatto automatico prevede, dopo un pagamento di diverse rate o di una certa somma di denaro, l’obbligatorietà del passaggio di proprietà al compratore. Invece l’affitto con riscatto con riserva di proprietà consiste nel dare maggiori garanzie al venditore. In caso l’affittuario non rispetti determinate regole, il proprietario può reclamare la risoluzione del contratto e cosi riacquistare il proprio immobile. Se questo avviene, il proprietario ha l’obbligo di restituire una parte della somma che ha riscosso; questo può essere deciso da un giudice oppure da come è scritto sul contratto. 

Vantaggi

Un vantaggio per chi decide di usare la formula affitto con riscatto e in seguito comprare un’immobile, è quello di pagare un canone mensile leggermente più alto, una parte verrà versato come acconto, l’altra parte sarà versata al proprietario come titolo di godimento della casa. Facendo in questo modo, il compratore potrà avere in futuro una propria casa, pagata molto meno rispetto al prezzo iniziale, grazie alla rateizzazione attuata in precedenza. 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.