Incremento dei prezzi dei biglietti di Aerei e Traghetti per l’Estete 2024

Secondo un’indagine congiunta Assoutenti-Centro di formazione e ricerca sui consumi (C.r.c.), i prezzi nel settore turistico in Italia registreranno aumenti significativi nel 2024 rispetto al 2023. In particolare, si prevede un rincaro medio del 19,6% per le strutture ricettive nelle principali località di mare, con punte fino al 44,2% per i voli internazionali e del 6,3% per i traghetti. Le regioni più colpite saranno la Sardegna, seguita da Senigallia, Milano Marittima e Anzio. Famiglie con due bambini dovranno mettere in conto spese da 872 euro a Bibione fino a 3.500 euro a Porto Cervo per una settimana in hotel a 3 stelle, mentre i costi per traghetti e voli potrebbero raggiungere rispettivamente 1.274 euro e 1.932 euro.

Principali conclusioni

  • Previsto un aumento medio del 19,6% per le strutture ricettive nelle principali destinazioni italiane
  • Rincari fino al 44,2% per i voli internazionali e del 6,3% per i traghetti
  • Famiglie con due bambini dovranno affrontare costi da 872 euro a 3.500 euro per una settimana in hotel
  • Tariffe traghetti e voli possono raggiungere rispettivamente 1.274 euro e 1.932 euro
  • Le regioni più colpite saranno la Sardegna, Senigallia, Milano Marittima e Anzio

Panoramica dei Rincari nel Settore Turistico

Secondo l’indagine Assoutenti-C.r.c., una famiglia con due bambini che decide di trascorrere una settimana di ferie in una località di mare in Italia dal 10 al 17 agosto 2024, dovrà affrontare costi per l’alloggio che vanno da un minimo di 872 euro a Bibione a un massimo di 3.500 euro a Porto Cervo, con punte di 2.600 euro a Baja Sardinia, 2.200 euro ad Amalfi e sopra i 2.000 euro anche a Marina di Pietrasanta. Più economiche risultano invece Rapallo (909 euro) e Grado (967 euro). Complessivamente, il confronto con i prezzi di giugno 2023 mostra un rincaro medio del 19,6% per la miglior offerta presente sui siti di comparazione alberghiera.

Variazioni di Prezzo per Traghetti e Aerei

Anche i costi per i trasporti registrano aumenti significativi: una famiglia con due bambini che decide di spostarsi in traghetto con auto al seguito (partenza 9 agosto, ritorno 17 agosto) dovrà spendere da 669 euro per Napoli-Palermo (+7,2%) fino a 1.274 euro per Genova-Porto Torres (+1,8%), con un rincaro medio del 6,3% rispetto al 2023. Per i voli aerei, invece, i prezzi aumentano dal 5,6% per Milano-Cagliari al 19,7% per Roma-Cagliari, con una punta del 44,2% per il volo Roma-Maldive.

Aerei e Traghetti: Le Tratte Più Costose

Voli Nazionali più Cari nel 2024

Tra le tratte aeree nazionali più care nel 2024 troviamo Milano-Brindisi (972 euro, +15% sul 2023), Roma-Olbia (924 euro, +15,5%) e Milano-Cagliari (770 euro, +5,6%). Per i voli internazionali, invece, i prezzi lievitano fino al 44,2% per il volo Roma-Maldive (1.932 euro), 21,6% per Roma-Phuket (1.890 euro) e 8,5% per Roma-Zanzibar (1.842 euro).

Tariffe Traghetti in Aumento

Anche le tariffe dei traghetti registrano aumenti significativi, con una famiglia con due bambini che deve affrontare spese da 669 euro per Napoli-Palermo (+7,2%) fino a 1.274 euro per Genova-Porto Torres (+1,8%). Complessivamente, l’indagine di Assoutenti-C.r.c. rileva un rincaro medio del 6,3% sui prezzi dei traghetti nel periodo considerato. Tuttavia per poter scorpire le migliori offerte e risparmiare sulle principali destinazioni come la Sardegna si possono usare dei comparatori quali www.sardegnatraghetti.it che confrontano le offerte di tutte le compagnie di navigazione per la specifica destinazione.

tariffe aeree estate 2024

L’Impatto sull’Economia Locale delle Isole

L’aumento dei prezzi di aerei e traghetti rappresenta una sfida significativa per le aziende delle isole, che devono affrontare costi aggiuntivi per il trasporto di materie prime e prodotti finiti. È il caso di Acqua dell’Elba, azienda familiare di profumi che, pur avendo radici sull’isola, deve importare ingredienti e imballaggi e poi esportare i propri prodotti, sostenendo un “viaggio andata e ritorno in traghetto” che impatta sulla redditività. Tuttavia, l’Elba rappresenta parte integrante dell’identità aziendale e le sfide logistiche sono considerate un prezzo da pagare per restare radicati sul territorio.

Iniziative per Promuovere il Turismo Sostenibile

Per contrastare gli impatti negativi dei rincari e promuovere uno sviluppo più sostenibile, alcune aziende delle isole hanno avviato iniziative ad hoc. Ad esempio, Acqua dell’Elba è diventata società benefit, impegnandosi su obiettivi ambientali e sociali oltre a quelli economici: ha installato pannelli solari, ridotto gli imballaggi e avviato progetti per tutelare la biodiversità e la comunità locale attraverso la Fondazione Acqua dell’Elba. Questi sforzi mirano a coniugare la redditività aziendale con la responsabilità verso l’ambiente e il territorio in cui operano.

Problemi di Mobilità e Servizi per i Residenti

I rincari di aerei e traghetti si aggiungono alle già significative criticità che i residenti delle isole devono affrontare in termini di mobilità e accessibilità ai servizi. Secondo l’osservatorio, il costo medio per un biglietto traghetto per due adulti, un bambino e un’auto è di 107 euro a tratta per la sola distanza di 20 km tra Piombino e l’Elba, rendendo questa una delle linee più care d’Italia per miglio percorso.

Inoltre, il servizio è spesso inaffidabile, con frequenti disagi dovuti a guasti e cancellazioni per maltempo. Per l’aeroporto di Marina di Campo, invece, la scarsa offerta di voli e il numero ridotto di passeggeri lo rendono poco redditizio, limitando le possibilità di potenziamento. Questa condizione di isolamento e carenza di collegamenti adeguati rappresenta un serio ostacolo per la popolazione residente, che rischia di essere penalizzata nell’accesso ai servizi essenziali come la sanità.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.