Mark-to-market: cos’è e come funziona?

Con il termine Mark to Market si intende un processo di controllo del rischio, tramite il quale alla fine della giornata la Clearing House valorizza le posizioni su strumenti derivati che risultano ancora aperte. La valorizzazione è effettuata sulla base della quotazione di chiusura dello stesso contratto derivato. In questo modo, le perdite e i profitti sui contratti derivati vengono liquidati ogni giorno. Approfondiamo qui di seguito il concetto di Mark to Market per scoprire tutto quello che serve sapere.

Continue reading →

Collateralized Loan Obligation, cosa sono? Caratteristiche e rischi

Le CLO (Collateralized Loan Obligation) sono strumenti appartenenti alla categoria degli ABS (asset backed securities) di cui rappresentano una specifica tipologia.
In poche parole le CLO sono strumenti di debito che sono state emesse su un portafoglio con varie attività, diverse l’una dall’altra, composte da obbligazioni, titoli di vario tipo e strumenti di debito.

Continue reading →

Benchmark, cos’è? Caratteristiche e usi

Il benchmark non è affatto un termine di uso comune e in molti lo ignorano completamente, ma particolarmente di moda nel mondo della finanza. Il benchmark per i mercati finanziari è un parametro oggettivo di riferimento, un efficace strumento per la valutazione del rischio. In materia di investimento viene usato come parametro per mettere a confronto le performance di portafoglio in relazione all’andamento dei mercati finanziari.

Continue reading →

Rating, cos’è? – Ruoli, compiti e procedure delle agenzie di rating

Quando si parla di rating ci si riferisce ad una valutazione, esplicitata in lettere, espressa da soggetti estranei ed autonomi in merito all’affidabilità e all’attendibilità di un’impresa, di uno Stato o di un governo che emette un titolo di debito. I soggetti preposti a questo giudizio sono le cosiddette agenzie di rating, grandi società internazionali specializzate nella misurazione della capacità di una società di saldare o meno i propri debiti e, quindi, nella valutazione della rischiosità di un investimento.

Continue reading →